ALLUCE VALGO: intervento con tecnica percutanea PBS

Alluce valgo: quando e come si opera
26 Maggio 2021
Dita a martello: correzione chirurgica con tecnica percutanea PBS
29 Maggio 2021

Negli interventi di chirurgia percutanea mininvasiva del piede per l’alluce valgo con la tecnica PBS si praticano  due sole incisioni cutanee molto piccole di 2-3 mm (Fig. 1 e 2) attraverso le quali vengono introdotte mini frese del diametro massimo di 2 mm (Fig. 5 che agiscono direttamente sull’osso. In questo modo si praticano le cosiddette osteotomie (“tagli” dell’osso) altro non sono che  “piccole fratture”, che guariscono spontaneamente, sia perché le parti molli che le circondano sono integre, sia perché effettuate con inclinazioni opportune che rendono più stabili senza la necessità di essere “fissate” con sistemi metallici, viti o fili. Lo scopo è quello di ridurre minimamente l’impatto sulle strutture anatomiche e quindi agevolare la guarigione con uno scarso dolore post-operatorio.

L’intervento si esegue in anestesia loco-regionale in regime ambulatoriale.

La durata dell’intervento è paria a 20-25 minuti.
Il decorso post-operatorio è abbastanza semplice, poco doloroso, con la possibilità di camminare subito (sia pure per pochi passi alla volta). La ripresa di attività lavorative sedentarie è possibile nei primi giorni dopo l’intervento, la guida dell’automobile è consentita dopo circa tre settimane.

LE FASI DELL’ INTERVENTO

  • Anestesia loco-regionale (Fig. 1)
  • Tenotomia dell’adduttore dell’alluce (Fig. 2)
  • Incisione sul 1° metatarso (Fig. 3)
  • Esostosectomia parziale testa di M1 (Fig. 4)
  • Frese e strumentario per chirurgica percutanea (Fig.5)
  • Osteotomia del 1° metatarso (Fig.6)
  • Traslazione laterale testa di M1 (Fig. 7)
  • Plantarizzazione testa di M1 (Fig. 8)
  • Bendaggio post operatorio (Fig. 9)
  • Appoggio del piede immediato (Fig. 10)

 

 

 

Fig. 1                                                                              Fig.2 

 

   

Fig. 3                                                                               Fig. 4                                           Fig. 5

 

 

Fig. 6                                                                     Fig. 7

 

Fig. 8                                                                              Fig. 9

 

Fig. 10

 

Fig. 11                                                      Fig. 12                                                  Fig. 13                                                        Fig. 14

Donna di 48 anni: prima (fig. 11-12) e dopo 3 mesi dall’intervento (Fig. 13-14)